Lapidi a terra

Le lapidi a terra sono la scelta più naturale ed ecologica, rispettano la tradizione e la storia del territorio che da millenni sceglie questo tipo di sepoltura. La personalizzazione della lapide a terra permette di creare uno spazio di ricordo intimo e personale, accogliente e
valorizzato.

Le lapidi a terra sono sicuramente quelle più radicate nella tradizione, creano un legame diretto con la Natura sottolineando la ciclicità della vita e la nostra appartenenza al mondo.

Si tratta della classica tomba scavata nel terreno: rispetto al loculo le dimensioni sono maggiori e sulla lapide è possibile anche lavorare con elementi di marmo in verticale. Sicuramente l’impressione è quella di avere a disposizione qualcosa di più personale e facilmente gestibile rispetto alla fila di loculi a muro dove si rischia sempre di interferire con quello vicino o di rovinare qualcosa bagnando i fiori o sistemando il lume. È la differenza che intercorre tra una casetta a schiera e un condominio.

La sepoltura a terra: una scelta naturale antica

La sepoltura a terra è la pratica che ogni Comune deve garantire a ogni cittadino in caso di morte. Nel nostro territorio, infatti, è una tradizione millenaria che è sempre esistita tanto che i primi ritrovamenti archeologici sono proprio necropoli con gli spazi delle diverse sepolture.

Anche alcuni toponimi friulani hanno questa derivazione, come nel caso di Mereto di Tomba in cui è possibile vedere ancora oggi una tùmbare, ovvero un tumulo funerario costituito da una collinetta alta 6/7 metri per un diametro anche di 30 al cui interno è sepolto il capo o personaggi della comunità. Tumuli di questo tipo sono presenti lungo tutta la linea delle risorgive friulana.

Per garantire questo tipo di sepoltura il Comune deve garantire una gestione del cimitero che sia in grado di accogliere tutti i defunti. A questo scopo è stabilito un turno di rotazione che ha un limite minimo di 10 anni imposto dalla legge, ma che varia in base alla valutazione delle singole amministrazioni comunali e alla tipologia del terreno presente. In base alla composizione di questi ultimi, infatti, il processo di decomposizione è più o meno veloce.

Rispetto alle concessioni dei loculi, solitamente i turni di rotazione determinati dai comuni sono più brevi, ma il più delle volte se non c’è la necessità di spazio le tombe a terra restano intoccate molto più a lungo. Solo quando c’è bisogno, gli spazi più vecchi vengono liberati per le nuove sepolture.

La sepoltura a terra: la scelta più ecologica

Un’altra caratteristica importante che riguarda le lapidi a terra è il fatto di essere ecologica in ogni suo aspetto.

  • La bara è in legno naturale e non contiene la controcassa in zinco

  • A differenza della cremazione non produce combustione

  • La decomposizione avviene nei modi e nei tempi dettati dalla natura senza che questo richieda il consumo di carburanti o altra energia

  • La lapide è in marmo naturale ed è possibile sviluppare progetti che non prevedono alcun tipo di elemento artificiale

Il consumo di spazio che solitamente viene additato come problema da risolvere è compensato dai vantaggi ecologici nell’immediato (rilascio di CO2 nel caso della combustione) e nel tempo (produzione di oggetti difficili da smaltire). Può essere mediato, inoltre, da una gestione cimiteriale lungimirante che avrebbe anche il merito di rispettare la storia del territorio, la tradizione e il valore spirituale e affettivo della sepoltura che, nel caso dei loculi, spesso rischia di perdere l’intimità che invece merita.

Le lapidi a terra: caratteristiche e personalizzazione

Lo spazio più grande e il fatto di non dipendere in maniera vincolante dal loculo vicino, permette di avere maggiori possibilità estetiche e simboliche per la progettazione delle lapidi cimiteriali.

Gli elementi che caratterizzano una lapide a terra sono:

  • Lastra di marmo o granito orizzontale
  • Eventuali elementi verticali
  • Incisione o applicazione del nome e cognome e delle date di nascita e morte
  • Fotografia applicata o incisa
  • Elementi decorativi come fregi o simboli
  • Vasi per fiori
  • Lumini o lampade
  • Statue
  • Croci o altri simboli religiosi
  • Simboli, disegni e applicazioni legati al defunto che ne raccontano la storia

La disponibilità di marmi, forme, linee, colori e accessori dà il via libera a ogni tipo di desiderio ed esigenza. La tradizione viene mantenuta con la sepoltura a terra mentre è possibile spingere su stili più moderni grazie a una progettazione di lapidi cimiteriali moderne e personalizzate.

I costi delle lapidi cimiteriali a terra

Una lapide a terra non costa necessariamente più di un loculo. In questo caso, infatti, non c’è una concessione da pagare, ma solo i diritti di scavo che sono una quota minima. Resta, quindi, solo il costo dell’eventuale lapide, certamente maggiore della lastra del loculo per le dimensioni e gli spazi che deve coprire.

Questa scelta, inoltre, permette anche una diluizione del costo totale: per i primi 4/5 mesi, infatti, è sconsigliabile posare la lapide sul terreno appena scavato spostando di fatto il posizionamento e il relativo pagamento dopo 6/9 mesi dal funerale. È un modo per distribuire i costi e renderli più gestibili e sostenibili per dei normali bilanci familiari.

 

Showroom articoli funerari e cimiteriali

In aree separate dalle Sale del Commiato della Casa Funeraria si trovano anche gli uffici e lo showroom di Eredi Querin, uno spazio in cui è esposta una selezione di articoli funerari.

Inoltre proponiamo una serie di servizi per la lavorazione di lapidi, loculi e tombe che vengono realizzati all’interno del nostro laboratorio, coordinati da un’accurata progettazione e ricerca del singolo.

Siamo a vostra disposizione

Per qualsiasi domanda inerente ai nostri servizi, scriveteci completando il form qui sotto. Vi risponderemo entro breve tempo.