Marmi per lapidi e tombe

Le lapidi, i loculi e le tombe hanno un valore che va oltre quello materiale: sono un ponte tra il passato e il presente. Oggi è possibile realizzare qualsiasi tipo di forme e decorazioni grazie alla piena personalizzazione di marmi, fregi e caratteri

Il marmo è un materiale considerato nobile ed eterno ed è utilizzato nella produzione architettonica e artistica fin dall’antichità. I primi oggetti in marmo, infatti, risalgono all’epoca neolitica per poi svilupparsi in modo per noi significativo nella Grecia antica, in particolare nell’acropoli di Atene del V secolo, che realizzò monumenti e templi del Partenone interamente in marmo.

Nell’immaginario collettivo, il marmo diventa quasi una cosa viva con Michelangelo che dalle pieghe delle vesti della Madonna riesce a estrapolare una delle più intense dolcezze della storia dell’arte oppure quando, secondo l’aneddoto, si scaglia con uno scalpello contro il ginocchio del suo Mosè urlandogli “Perché non parli!”.

Da secoli, se non da sempre, è il materiale prediletto nell’arte funeraria: perfetto per creare lapidi e tombe capaci di resistere al passare del tempo e restituire alle persone la grandezza della persona a cui è dedicata. Questo prezioso materiale, estratto dalle viscere della terra, non è solo una scelta pratica ma è diventato un simbolo di durata, resistenza e bellezza.

 

Marmi per tombe: le caratteristiche della pietra

Il marmo è una pietra metamorfica composta principalmente da calcite. La sua estrazione risale all’Antica Grecia, dove i maestri scultori come Fidia creavano sculture che nei secoli vennero considerate veri e proprio capolavori.

La durabilità e la resistenza alle intemperie sono tra le caratteristiche distintive del marmo rendendolo ideale per la creazione di lapidi e monumenti funerari che per loro natura devono stare all’esterno e rappresentare l’eternità. La sua superficie liscia consente una varietà di incisioni e dettagli artistici praticamente infinita e molto legata alle capacità artigianali e progettuali di chi lo lavora, a mano e attraverso macchinari dedicati. La sua capacità di assumere diverse tonalità e venature particolari e legate al contesto di ritrovamento conferisce a questa pietra un senso di unicità che viene trasmesso a ogni creazione.

Le colorazioni principali dei marmi per tombe

1. Il Marmo bianco: simbolo di purezza e spiritualità

Il marmo bianco è una delle varietà più scelte per la costruzione di lapidi e tombe. La sua purezza simboleggia l’innocenza e la trascendenza dell’anima oltre la vita terrena per questo viene utilizzato spesso per i bambini o persone che si sono particolarmente distinte per la propria bontà d’animo.

Monumenti celebri come il Mausoleo di Artemisia a Efeso o il David di Michelangelo a Firenze sono esempi eloquenti di come il marmo bianco abbia plasmato la storia dell’arte funeraria.

2. Il Nero: il colore dell’eleganza e del mistero

Il marmo nero, al contrario di quello bianco, conferisce un profondo senso di eleganza e mistero alle lapidi e ai monumenti per cui viene utilizzato. Viene scelto, infatti, per sottolineare la solennità di una tomba, la serietà e il valore temporale del defunto. Insieme all’oro per lettere, fregi e decori cattura lo sguardo e conferisce preziosità e maestosità alla tomba.

3. Il verde, i grigi, i marroni e i rosa: i colori per raccontare il defunto

Il marmo in natura può assumere diverse colorazioni e venature. Nella storia dell’arte questo ha permesso anche di creare degli stili che hanno caratterizzato interi periodi ed eccellenze artistiche: si pensi al verde e bianco della Firenze rinascimentale.

Oggi nell’arte funeraria si scelgono i colori per raccontare la personalità del defunto e offrire nuovi spunti stilistici e cromatici.

I Marmi per tombe nell’Arte Funeraria contemporanea

Nonostante l’avvento di nuovi materiali, il marmo mantiene la sua posizione preminente nell’arte funeraria. La sua adattabilità stilistica e la capacità di resistere alle intemperie lo rendono ancora la scelta migliore.

A modificarsi è stato, invece, il modo di lavorarlo. Se fino a non molto tempo fa, il marmo era appannaggi di artigiani marmisti con una lunga esperienza alle spalle, oggi è possibile realizzare creazioni veramente nuove grazie a macchinari e sistemi a laser. Queste tecnologie permettono una personalizzazione ancora più dettagliata e accessibile a tutti, liberando desideri e richieste dai limiti imposti dalla tecnica e dal vincolo economico.

In questa nuova dimensione, si integrano tradizione e innovazione portando il marmo nuovamente al posto di primo piano che ricopre ormai dall’inizio della storia umana. La stessa che ebbe inizio con le sepolture, il racconto orale delle storie degli uomini e il desiderio mai spento di esprimersi attraverso l’arte.

Showroom articoli funerari e cimiteriali

In aree separate dalle Sale del Commiato della Casa Funeraria si trovano anche gli uffici e lo showroom di Eredi Querin, uno spazio in cui è esposta una selezione di articoli funerari.

Inoltre proponiamo una serie di servizi per la lavorazione di lapidi, loculi e tombe che vengono realizzati all’interno del nostro laboratorio, coordinati da un’accurata progettazione e ricerca del singolo.

Siamo a vostra disposizione

Per qualsiasi domanda inerente ai nostri servizi, scriveteci completando il form qui sotto. Vi risponderemo entro breve tempo.